Promare: Recensione [Speciale Annecy 2019]

FAR from Animation

Promare è un corridoio arredato ad arte che conduce il più classico Imaishi verso soluzioni estetiche e tematiche più affini alla contemporaneità. È la testimonianza di un core staff che non si adagia sugli allori di un passato idealizzato, ma che non dimentica nemmeno quella fiamma che l’ha indissolubilmente legato al mondo dell’animazione. È un commosso tributo a quella sensazione di frenesia e vigore che soltanto l’animazione distorta e meno particolareggiata può donare.

Ho genuinamente apprezzato la scrittura, ricca di riferimenti alla carriera di Imaishi ma mai così pedante da farsi prendere troppo sul serio. Molto riuscite sono le buffe scene in cui vengono fornite arzigogolate spiegazioni sui misteriosi fenomeni che ruotano attorno al titolo della pellicola, alle quali però i personaggi non sembrano poi così interessati. Il punto di riferimento principale del film è sicuramente Tengen Toppa Gurren Lagann, che viene citato in maniera talvolta evidente e talvolta più…

View original post 1.379 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.